TM   Maggio/Giugno 2023

Far strada alle nuove generazioni

Anche i modelli di Suv più affermati si innovano, cavalcando l’onda delle motorizzazioni alternative, aggiornando il look e migliorando comfort e qualità degli interni, dalla capienza all’infotainment. Accattivanti, efficienti e ideali per affrontare qualsiasi fondo stradale.

di Claus Winterhalter

Business Developer

BMW X1

BMW X1

La terza generazione dalla Bmw X1 è tra le migliori della categoria, con un livello di maturità mai visto, che ne fa un’auto equilibratissima, che ci si sente subito addosso. In ordine cronologico è l’ultima dei Suv Bmw, apparsa nel 2009, eppure si è ritagliata un ruolo fondamentale, con grandi soddisfazioni quale modello X più venduto. Solo 5 cm più lunga della precedente generazione ma con design evoluto e nuove proporzioni, appare più grande e decisa, merito sicuramente della nuova calandra squadrata con sguardo a led dei proiettori. I passaruota squadrati le danno l’aria di Suv robusto e i cerchi da 17 a 20 pollici fanno il resto. Grazie a carrozzeria più larga e interasse maggiorato sfrutta meglio gli spazi interni e a seconda del livello di elettrificazione e della presenza della trazione integrale la capacità del bagagliaio offre mediamente da 500 litri a 1500 litri. Lontani i tempi in cui la plancia della Bmw aveva decine di tasti fisici, la nuova X1 ha un look futuristico. L’abitacolo è spazioso e arioso con ottima qualità costruttiva, scelta dei materiali e cura degli assemblaggi con rivestimenti morbidi e ricercati, con soluzioni originali tra cui le casse audio lavorate a laser con logo Harman/Kardon retroilluminato, accessoristica e infotainment a regola d’arte.
Utilizza la piattaforma della nuova Bmw Active Tourer, che consente motori termici, ibridi mild hybrid e plug-in o 100% elettrici. Attualmente propone due motori a benzina, un millecinque 3 cilindri con 136 Cv per la sDrive 18i o 170 CV con il supporto mild hybrid per la 20i e un 2mila con 218 Cv destinato alla XDrive 23i, oggetto del nostro Testdrive. Sono affiancati dalle versioni xDrive 25 da 245 Cv e xDrive 30 ida 326 Cv, ibride plug in con circa 90 km di autonomia elettrica, e le versioni diesel e diesel hybrid sDrive 18d, xDrive 20d e xDrive 23d. Tutte con cambio Steptronic a sette rapporti a doppia frizione.  Più in là anche una versione elettrica. A partire da 57.200.- Chf.

 

Mercedes GLC 220 d 4Matic

Mercedes GLC 220 d 4Matic

La nuova generazione della Mercedes Glc convince per il comfort e con le ruote posteriori sterzanti offre un’agilità inedita. È accattivante su ogni tipo di strada con le sue linee pulite e proporzioni dal carattere sportivo. L’abitacolo fissa parametri di riferimento, dal display centrale inclinato verso il conducente, al volante sportivo multifunzione, passando per i pregiati elementi decorativi con materiali di alta qualità che garantiscono un comfort di prima classe. Lunga 472 centimetri, la seconda generazione della Mercedes Glc, che è il modello più venduto della Casa ed è basato sull’attuale Classe C, è più lunga di 6 cm e propone unicamente motori elettrificati. Cresce anche il bagagliaio con un minimo di 620 litri, 70 litri in più.
Dite addio ai listini lunghi decine di pagine, che richiedevano giorni per configurare l’auto desiderata, ora la maggior parte delle dotazioni sono raggruppate in pacchetti. L’abitacolo riprende le forme ispirate al mondo della nautica viste sulle più recenti Mercedes, la plancia si unisce al tunnel centrale e lo schermo centrale Touch da 11,9” è di serie e integra il sistema multimediale Mbux. Non manca l’assistente vocale evoluto e il lettore di impronte digitali. Su strada e nel fuoristrada in condizioni ambientali avverse vanta doti nettamente migliorate dai comandi facilitati e schermata Offroad, che migliora la visibilità grazie al cofano del motore trasparente, effetto dovuto alle varie telecamere e ai massimi livelli di trazione e sicurezza di guida. Molto innovativo infine il nuovo retrotreno sterzante: sotto i 60 km/h le ruote posteriori si spostano fino a 4 gradi e mezzo in direzione contraria a quelle anteriori e nella stessa quando la velocità aumenta. Così si ha un’agilità inaspettata, per un’inversione bastano meno di 11 metri, come le piccole crossover. Motore Turbodiesel 2.0 ibrido, per 197 Cv diesel più 23 Cv elettrici con un totale di 400 Nm e un consumo medio di 5,9 litri. A partire da 65.800.-Chf.

 

Nissan X Trail 1.5 e-Power

Nissan X Trail 1.5 e-Power

Dopo un periodo di assenza ritorna la Nissan X-Trail, con un innovativo powertrain E.Power che prevede un 1.5 turbo benzina che fa da range extender alimentando uno o due motori elettrici a seconda della trazione e una batteria. I vantaggi sono tanti. La X-Trail della nostra prova è a trazione integrale con un sistema Awd con secondo motore elettrico da 136 Cv sull’asse posteriore e una potenza totale di 213 Cv, con un vantaggio rispetto a uno tradizionale poiché distribuisce istantaneamente la coppia e grazie alla rigenerazione su tutte e quattro le ruote riduce rollio e beccheggio. Il tutto regolato da una centralina che ottimizzata i flussi di energia per massimizzare il tempo in cui il motore termico rimane spento. Viaggiando a bassa velocità, l’energia prodotta va in parte al motore elettrico e in parte alla batteria e, quando è completamente carica, il 1.5 si spegne. In accelerazione, l’energia necessaria al movimento arriva sia dal termico che dalla batteria. Il comfort è uno dei punti di forza di questa Nissan ed è di altissimo livello sotto tutti i punti di vista con insonorizzazione aerodinamica curata, i sedili comodi e grazie alle ampie superfici vetrate e la visibilità è ottima. A partire da 57.690.- Chf.

© Riproduzione riservata